Da Venezia: Auguri di Buona Pasqua!

pasqua-a-venezia.jpg220px-Diego_Valeri.jpgVenezia-Ponte-dei-Sospiri.jpgUn caloroso augurio di buona Pasqua da Venezia e da me, figlia ed erede, con migliaia di veneziani, legati a questa meravigliosa antenata, di suoi passati splendori, ma anche soltanto del suo essere unica: una città unica, viva, vera, con i suoi problemi particolarmente delicati perchè tale è l’equilibrio che regge questo sogno fatto di pietra, legno, giardini,ponti, arte, passato, e cultura, che rimane tutt’oggi come elemento imprescindibile e che la rende  assolutamente inimitabile e fantastica.

Vorrei donare a questa mia meravigliosa culla una poesia che Diego Valeri, valente poeta veneto, nativo di Piove di Sacco, veneto ma anche facente parte per un certo periodo di tempo della sua elite intellettuale:

C’è una città di questo mondo
ma cos’ bella, ma così strana
che pare un gioco di fata Morgana
e una visione del cuore profondo.

Aviluppata in un roseo velo,
sta con le sue chiese, palazzi, giardini,
tutta sospesa tra due turchini.
quello del mare, quello del cielo.

Così mutevole! A vederla
nelle mattine di sole bianco
splende di un riso pallido e stanco,
d’un chiuso lume, come la perla

ma nei tramonti rossi affocati
è un’arca d’oro, ardente, raggiante,
nuova innocenza, veleggiante
a lontani lidi incantati

Quando la luna alta inargenta
torri snelle e cupole piene
e serpeggia per cento vene
lìacqua cupa e sonnolenta

non si puà dire quel ch’ella sia
tanto è nuova e mirabile cosa:
isola dolce, isola misteriosa,
regno infinito di fantasia.

Cosa di sogno, vaga e leggera,
eppure porta nell’anni di storia,
e si corona della gloria,
d’una gran vita guerrieera.

Cuor di leonessa, viso che ammalia,
e tra veneti due volte sovrana,
pianta di forte virtù romane
fiore di tutta la gloria d’Italia.

 

focaccia veneziana2.jpgpasqu 1.jpgEd infine, nei miei ricordi di bambina, e sicuramente in quelli di tanti altri bambini veneziani la filastrocca:

Xe Pasqua, xe Pasqua
che caro che go
se magna a fugassa e anca il cocò
se vado in cusina
e trovo l’agneo
 se vede e se usa
magnar anca queo;
H_Pasqua_a_Venezia_Ristorante_Terrazza_Danieli.jpgpulcino.jpgse bevo un tantin de Marsala
vusto che non salta e che bala?
Si, si, papà caro
se tutti i putèi fusse come mi
voria che Pasqua fusse ogni dì.

Carissimi amici miei, tanti affettuosi e sinceri auguri di Buona Pasqua, Pasqua di serenità, di amore, di amicizia di affetti profondi, di salute, Pasqua a Venezia 3.jpgVenezia a Pasqua.jpgVenezia a Pasqua1.jpgvenezia.jpgvenezia14.jpgdi sostegno e di solidarietà!

Con tanto amore, vostra Piera !!!!!!!!

 

 

 

Da Venezia: Auguri di Buona Pasqua!ultima modifica: 2012-04-06T21:48:00+00:00da pierapanizzuti
Reposta per primo quest’articolo

3 Commenti

Lascia un commento